“Frammenti di vita” al tempo del Coronavirus

FRANCESCA ASCANIO

23/04/2020

In queste settimane difficili segnate dalla tragedia del Coronavirus sono emerse tante emozioni, paure, perplessità, angosce, spirito di adattamento, che hanno influenzato anche il mondo della scuola.

WhatsApp Image 2020-04-21 at 23.30.35
FOTO F. ASCANIO

Docenti e alunni ci siamo dovuti confrontare con nuove piattaforme digitali, sperimentando metodi di insegnamento e di apprendimento alternativi, che hanno determinato alcune criticità, come chat intasate, dispositivi e connessioni non sempre efficienti; ma è prevalsa la voglia di dare il proprio contributo affinché il virus pandemico non determini anche la diffusione del “virus dell’egoismo indifferente”.

Ci siamo resi conto di vivere momenti di grande precarietà fisica, sanitaria, sociale e psicologica a causa di un microscopico virus che ha stravolto i nostri progetti e la routine quotidiana. Sembrava che l’uomo nel 2020 sarebbe stato capace di compiere qualunque impresa, invece un minuscolo essere è riuscito in poco tempo a metterlo in ginocchio.

WhatsApp Image 2020-04-18 at 20.27.49 (1)
FOTO F. ASCANIO

Nonostante questo nemico invisibile ci abbia costretti a stare lontani fisicamente, tutti noi sperimentiamo modi nuovi che ci tengano vicini, come:

Assaporare la bellezza del sentimento nazionale con i vari flash mob musicali;

Comprendere l’importanza e la ricchezza delle relazioni vere ed autentiche;

Esprimere ammirazione per l’abnegazione degli operatori sanitari;

Percepire la gioia della resistenza vitale fatta di solidarietà sociale e culturale attraverso piccoli o grandi gesti;

Apprezzare il valore della condivisione dei momenti di preghiera all’interno delle mura domestiche, in collegamento con quei luoghi insolitamente deserti, ma carichi di spiritualità che ci incoraggiano e confortano.

È per questi motivi che abbiamo pensato di dar vita a uno spazio di condivisione tra studenti all’interno del SecusiOnline, attraverso la rubrica “Frammenti di vita – i nostri gridi silenziosi

Molti alunni si sono cimentati in considerazioni personali utilizzando varie forme di scrittura creativa, di arte visiva e musicale, per trasmettere una certezza: ci troviamo sulla stessa barca, tutti fragili e disorientati, ma nello stesso tempo importanti e necessari, come ci ricorda papa Francesco.

Attraverso queste attività, ciascuno ha avuto la possibilità di guardarsi dentro, per rivedere il proprio passato, per scoprire gli anfratti più profondi del proprio essere, magari non ancora esplorati oppure non abbastanza.

WhatsApp Image 2020-04-18 at 20.27.49
FOTO F. ASCANIO

Siamo capaci di apprezzare la vita, solo quando questa ci sfugge dalle mani; in questo momento di isolamento non deve regnare la solitudine; la mancata vicinanza degli affetti più cari non deve dare adito alla nostalgia del passato, ognuno deve trovare i segni della rinascita, della resurrezione all’interno della propria vita. E soprattutto bisogna ricordarsi che dopo il buio della notte arriva sempre l’alba del nuovo giorno!

L’invito è rivolto a tutti i nostri lettori al fine di rivalutare le priorità, per intraprendere il cammino verso gli imperscrutabili sentieri dell’anima e per riappropriarci della socialità.

Allora forza Secusiani, facciamo prevalere la determinazione, l’entusiasmo e la gioia di vivere! Usciremo da questo tunnel, sicuramente provati, ma certamente migliori!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...