I “temi” della maturità 2019

MORENA ROCCARO – GLORIA TROMBINO –  GIACOMO GRIMALDI

12/06/2019

Gli esami sono ormai alle porte e l’ansia è percepibile tra gli studenti che saranno sottoposti alla nuova tipologia d’esame

(http://www.miur.gov.it/documents/20182/0/m_pi.AOODPIT.REGISTRO+UFFICIALE(U).0003050.04-10-2018.pdf/3102aaaf-3755-4ed0-b4a8-23c745527cbc).

IMG-20190612-WA0038
Foto di E. FUSARI

La preoccupazione più grande? La prima prova scritta! I maturandi sono alla ricerca spasmodica di anniversari storici, artistici, letterari, scientifici e di cultura generale che il Miur potrebbe aver preso, come fonte d’ispirazione, per la scelta dei temi.

IMG-20190612-WA0037
Foto di E. FUSARI

Per la tipologia A, analisi e interpretazione di un testo letterario italiano, il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca può inserire una poesia o un brano di un letterato del XIX e del XX secolo. Per esempio, durante le simulazioni del 19 Febbraio e del 26 Marzo, protagonisti sono stati Giovanni Pascoli, Elsa Morante, Luigi Pirandello ed Eugenio Montale. Utilissime, dunque, per motivare i giovani studenti a non scoraggiarsi, possono essere alcune ricorrenze in campo letterario:

  • 200 anni dalla pubblicazione dell’Infinitodi Leopardi.
  • 100 anni dalla nascita di Primo Levi; L’analisi del testo sulla poesia più conosciuta “Se questo è un uomo” può essere considerata dai maturandi.
  • 90 anni dalla morte di Italo Svevo, fondatore del romanzo contemporaneo e un opzione potrebbe essere l’analisi sullo scritto “La coscienza di Zeno
  • 210 anni dalla morte del poeta italiano Vittorio Alfieri, famoso per le sue tragedie teatrali, in particolare il Saul. “Volli, sempre volli, fortissimamente volli.”

La tipologia B, invece, riguarda l’analisi e la produzione di un testo argomentativo. Nelle simulazioni, i temi proposti riguardavano differenti campi tematici: umanistico (la storia e l’atteggiamento dei giovani nei suoi confronti, i diritti umani, l’Italia dopo la vittoria della prima guerra mondiale); economico (il marketing del madeinItaly); e scientifico (la nuova società tra globalizzazione tecnologica  e culturale, la tecnologia e la pubblicità). Inerenti a ciò potrebbero essere le seguenti altre ricorrenze:

  • 90 anni dalla nascita di Martin Luther King, emblema della proclamazione dei diritti umani.
  • 90 anni dalla nascita di Anna Frank, simbolo della Shoah.
  • 80 anni dalla nascita di Giovanni Falcone, morto nella strage di Capaci nel 1992.
  • 70 anni dalla nascita della Nato, ricollegabile al Patto Atlantico, stipulato il 4 Aprile del 1949, che ha dato inizio alla Guerra Fredda.
  • 210 anni dalla morte di John Milton, importante scrittore della letteratura britannica.
  • 110 anni dalla nascita del Futurismo, avanguardia artistica del Novecento.
  • 30° anniversario della morte di Salvador Dalì, massimo esponente del surrealismo.
  • 500 anni dalla morte di Leonardo Da Vinci, celebre autore rinascimentale de: La Gioconda, L’ultima cenae Annunciazione.
  • 180° anniversario della nascita di Paul Cézanne, esponetene del movimento impressionista.
  • 75° anniversario della morte di Edvard Munch, pittore del famoso L’urlo.
  • 210 anni dalla morte di Charles Darwin, importante per la sua teoria evoluzionistica.
  • 110 anni dalla nascita di Rita Levi Montalcini: la vincitrice del Nobel per la Medicina
  • 210° anniversario dalla morte di Meucci, che introdusse la telefonia durante la Seconda Rivoluzione Industriale.

image

Infine la tipologia C, partendo da una citazione, riguarda una riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità, come: la felicità per Giacomo Leopardi, la fragilità per lo psichiatra Vittorino Andreoli, la relazione tra viaggio e racconto in un articolo di  Tim Parks, o la nostalgia per lo psichiatra Eugenio Borgna. Altri importanti spunti di riflessione potrebbero essere la questione migranti, l’importanza dell’Europa (elezioni europee, Brexit), ma anche alcune ulteriori ricorrenze:

  • 200 anni dalla nascita di Francesco Crispi, protagonista del panorama politico del Risorgimento e ideatore tanto di una politica autoritaria quando di grandi riforme sociali.
  • 510 anni dalla nascita di Giovanni Calvino, umanista protagonista della Riforma Protestante con Lutero.
  • 220 anni dalla nascita di Massimo D’Azeglio, patriota e scrittore che visse tra il 1798-1866. Fu nominato presidente del Consiglio dal Re Vittorio Emanuele II. Quindi il tema a cui fare riferimento è l’Unità d’Italia e la politica post unificazione italiana, destra e sinistra politica.
  • 200° anniversario della nascita di Francesco Crispi, importante politico siciliano appartenente alla Sinistra storica.
  • 150° anniversario di Joseph McCarthy, repubblicano degli Stati Uniti D’America che ha dato vita al maccartismo: periodo storico statunitense degli anni ’50, quando si verificò una caccia alle streghe contro le spie russe.
  • 170 anni dalla morte di Goffredo Mameli, politico e protagonista del Risorgimento Italiano che morì nell’anno 1849, durante l’assedio di Roma.

image

Un altro importante stravolgimento è quello del temuto colloquio orale. Abolita la famosa “tesina”, gli studenti dovranno scegliere una tra le tre buste, ciascuna contenente un documento scelto dalla commissione. Da ciò dovrà dunque partire una discussione multidisciplinare.

Le ricorrenze e gli anniversari sono moltissimi e il Miur ha di fronte una vasta scelta, per cui lasciamo a loro l’ardua sentenza, ma nel frattempo, cosa pensano i nostri maturandi?

“ Penso che quest’anno l’esame sia molto cambiato e lo vedo quasi come un esperimento.” – dice Marco Pomara, studente della classe 5EL.

“Questa nuova modalità, come tutto ciò che è incognito, ci preoccupa un po’. Importantissima sarà la capacità di collegare tematiche in modo interdisciplinare: capacità che abbiamo allenato grazie alla realizzazione del progetto multidisciplinare, presentato qualche giorno fa”- afferma un’altra secusiana, Giuliana Scalzo.

Mentre intervistando una studentessa del 5° anno di Liceo Scientifico di Caltagirone, Mariafrancesca Randazzo dichiara:

“Per ciò che riguarda la prima prova, penso che non sia facile capire quello che uscirà, appunto perché è il primo anno che viene attuata questa riforma. Facendo un giro su internet e parlando con i miei professori, molto dibattuto è il poeta Ungaretti con Verga, ma visto che nella prima prova d’analisi del testo possono uscire due tracce, mi aspetto che nella prima ci siano poeti conosciuti e nella seconda poeti molto più contemporanei come Sciascia, a cui molto spesso non si arriva con il programma. Per quanto riguarda la tipologia B, mi aspetto molti documenti inerenti a molte tematiche, come si potuto vedere dalle simulazioni, ad esempio la tematica del viaggio o temi relativi a questioni politiche ed economiche. La tipologia C, che reputo una delle più complesse e particolari, deve contenere riflessioni originali e personali, argomentate da tesi e antitesi.”

Intanto anche i professori esprimono la loro opinione.

In particolare la professoressa V. Damanti, insegnante di lettere al Secusio, si esprime per quanto riguarda le possibili tracce:

“Non credo sia importante concentrarsi sul tototema; non possiamo sapere quello che uscirà, e ogni volta che tentiamo, perdiamo sempre. Posso solo suggerire, agli studenti, di escludere la possibilità di trovare autori come Pirandello e Montale, in quanto già usciti nelle simulazioni scritte. Penso che i giovani debbano utilizzare questi nuovi dispositivi tecnologici per aggiornarsi, non solo su fatti di cronaca, ma in generale sulla politica, diciamo su ciò che accade nel mondo; consiglio loro di leggere quanto più possano, perché è molto più semplice e interessante, attraverso la lettura di opere, capire un autore;  quindi ciò che gli studenti devono fare è non cercare disperatamente le possibili tracce uscenti, bensì studiare moltissimo e affidarsi alla lettura.”

Alla domanda: “Considera difficile questa nuova tipologia d’esame, quindi il colloquio orale?” risponde: “Niente affatto, chi studia sarà sempre capace di sottoporsi a prove del genere.”

“Secondo me, un tema molto probabile è la liberta d’informazione, che trovo molto attuale” crede invece la professoressa C. Zimone. “Si potrebbe parlare anche di un tema storico: l’appello agli uomini liberi e forti di Don Luigi Sturzo e il centenario del Partito Popolare, quindi l’impegno dei cattolici in politica”.

Dati questi pensieri vaghi e speranzosi, non ci rimane altro che attendere il 19 Giugno, per la prima prova scritta.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...