“Secusian Journalists” in London

REDAZIONE SECUSIONLINE

09/11/2018

In these last years Italy has been attacked by a strong flow of youth unemployment, due to the Italian economic situation. In this context, Italy has introduced the alternanza scuola-lavoro, which is the partnership between the world of education and the world of work.

speakers
Foto di G. SCALZO
immagine 1.jpeg
Foto di G. SCALZO

Thanks to this project, young people can experience a little piece of their future life. For example, twelve students of the “Istituto Superiore Bonaventura Secusio” (Caltagirone, Italy) tried a project of alternanza scuola-lavoro here in London with an Italian radio: “LondonOneRadio, the voice of Italians and Londoners”.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.30.16 PM
Foto di G. SCALZO

They also collaborated with the online magazine: “ItaloEuropeo, Indipendent cultural magazine in London”. Their professors Mr. Ciancio and Mrs. Schillaci went with them. The staff of the radio, composed by Mr. Baglini, Miss Pirulli, Miss Faloia and Miss Moser, led them during this long period.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.25.44 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

This project began on 7th August 2018, when a member of the radio introduced herself and their future work. At first, she created three groups: the “speaking-group”, which had to choose what to ask people for an inquiry about travels in Italy; the “excel” one, which had to make graphics and statics; and the “marketing-group”, which had to promote the radio.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.34.09 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

Then, the groups became four, each one composed of three students. They had to interview people around London and every morning they collected more than 150 interviews.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.41.59 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

The questions were three: “Have you ever been in Italy?”. If yes, “where have you been?”; if no, “ where would you like to go in Italy?”. The last question was “When you travel, do you prefer to visit museums or go to the beach?” Amazingly many people have already visited Italy, especially Rome, Florence, Venice and Naples. Everybody was very excited to talk about Italy and Italian food, for which we are very famous abroad. Thanks to the interviews, the groups found out that foreigners love the Italian language; they would like to learn it or they are already learning it. It was very funny hearing them talking in Italian with their accent! On the other hand, they met people who have never been in Italy. However, they would like to go to the capital, which is Rome, and the most part would like to visit Tuscany and Sicily, too.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.42.44 PM
Foto di G. SCALZO

At the same time, the “marketing-group” went around the city to promote “London One radio”. Its main goal was increasing the followers and the interactions of social networks. They mostly took care of Facebook and Instagram, realizing games, polls and videos about music and other stuffs like that. Another way to gain followers was the “free hugs”: they went twice in a station, where they hugged people and asked them to follow the radio. Spreading love made this experience very deep. Sometimes people really need a hug! The marketing group also did the famous “Keke challenge” in an underground station. This consists in dancing to the strains of In My Feelings by Drake and in posting the video with the #. Seeing the reactions of people was very funny.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.56.16 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

One of the groups took care of creating a podcast for the final radio show, editing audios of the interviews they recorded. In the first part of the file, they had assembled the answers to the first question, in which people expressed what their favorite cities of Italy are and where they had already been. In the second one, you can discover where they would like to go and, in the last one if they prefer museums or seaside. It was very hard because they recorded more than 1000 interviews.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 3.52.00 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

The other group worked with Excel, they created a graphic with the information they collected every day in the interviews. So they showed the rate of answers and they made a graphic for each question with the percentage.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 4.03.01 PM
Foto di G. SCALZO

In the first graphic, there are the most visited Italian cities: at the top, there is Rome (27%), Florence has the second position (17%) and Venice has the third position (15%). There are also destinations that are not so famous, but people would like to visit them, such as Sicily (5%), Sorrento (5%), Pisa (2,6%) and Sardinia (0,9%). In the second one, the Italian cities in which people would like to go: even in this case, Rome (36%) has the first place, probably because it is the capital, Venice (20%) follows it and Florence (11%) is the third one. Many people also answered Sicily (9%) and Verona (6,7%). The last graphic contains the percentage of people who prefer museums (39%), seaside (34%) or both (27%).

WhatsApp Image 2018-10-22 at 4.05.15 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

At the end of the project, four students were lucky enough to host a radio live show on 24th August 2018. People could listen to them on the radio, but also see them live on Facebook. Thanks to the work of all groups, the four speakers talked about the inquiry and let people know something cool about their land and something funny their experience. They had a very good feedback on the net: almost 2000 views, more than 100 reactions and almost 30 shares.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 4.08.03 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

In addition, the students also wrote many articles for the magazine “ItaloEuropeo” and for their blog “In And Out London”. During their free time, they visited the whole London, which they found very beautiful.

Thanks to the data collected, it is quite clear that people from every country of the world love Italy, its history, language, culture and obviously food. This made the students very proud of their Italy, especially of their Sicily, which is also very popular all over the world.

WhatsApp Image 2018-10-22 at 4.09.30 PM.jpeg
Foto di G. SCALZO

This experience has helped them to understand how life in London is frenetic, relentless, but out of the ordinary and colourful. This was their first working experience, so they were so excited to work in London One Radio, which has taught them how to work as a team and what work means. However, this permanence in London with alternanza scuola-lavoro is surely one thing that nobody could never forget.

Branciforti Vittorio

Cuius Iuculano Stefano

Cusumano Elisa

Di Gregorio Denise

Grimaldi Giacomo

Gulizia Erika

Morretta Miriam

Palumbo Elisa Sara

Scalogna Francesca

Scalzo Giuliana

Scuto Noemi

Vassallo Alice 

 

TRADUZIONE

In questi ultimi anni, l’Italia è stata attaccata da un forte flusso di disoccupazione giovanile, dovuta alla situazione economica italiana. In questo contesto, il Paese ha introdotto l’alternanza scuola-lavoro, che è la collaborazione tra mondo dell’educazione e mondo del lavoro. Grazie a questo progetto, i giovani possono fare esperienza di un po’ della loro vita futura. Per esempio, dodici studenti dell’Istituto Superiore Bonaventura Secusio di Caltagirone hanno partecipato ad un progetto di alternanza scuola-lavoro a Londra con una radio italiana: “LondonOneRadio, the voice of Italians and Londoners”. Hanno, inoltre, collaborato con il giornale online: “ItaloEuropeo, Indipendent cultural magazine in London”. Ad accompagnarli, i professori G. Ciancio e A. Schillaci. A guidarli durante quest’esperienza di 21 giorni, lo staff della radio, composto da P. Baglini, R. Pirulli, G. Faloia e C. Moser.

Il progetto è iniziato il 7 agosto 2018, quando un membro della radio ha spiegato ai ragazzi quale sarebbe stato il loro compito lì a Londra. All’inizio, ha formato tre gruppi: il gruppo “speaking”, che doveva scegliere cosa chiedere alle persone per un’inchiesta riguardante i viaggi in Italia; il gruppo “Excel”, che doveva realizzare grafici e statistiche; e il gruppo “marketing” che doveva promuovere la radio.

In seguito, i gruppi sono diventati quattro, ognuno composto da tre persone. Il loro compito era quello di intervistare i passanti in giro per Londra e ogni mattina hanno raccolto più di 150 interviste per gruppo. Le domande sottoposte erano tre:

1) “Sei mai stato in Italia?”

2) Se la risposta era sì, “Dove sei stato?”

2) Se la risposta era no, “Dove ti piacerebbe andare?”

3) “Quando viaggi, preferisci visitare i musei o andare in spiaggia?”

Il dato che più li ha sorpresi è che molti degli intervistati avevano già visitato l’Italia, in particolare Roma, Firenze, Venezia e Napoli. Tutti erano contenti di parlare della nostra nazione e del nostro cibo, per cui siamo molto famosi all’estero. Grazie alle interviste, i gruppi hanno scoperto che gli stranieri amano la lingua italiana; vorrebbero impararla o, addirittura, la stanno già imparando! è stato davvero divertente sentirli parlare la nostra lingua con il loro accento! D’altro canto, hanno incontrato persone che non erano mai state in Italia. Comunque, quest’ultime avrebbero voluto visitare la capitale (Roma), e la maggior parte anche la Toscana o la Sicilia.

Allo stesso tempo, il gruppo del “marketing” è andato in giro per Londra per promuovere la radio “LondonOneRadio. Il loro obiettivo era aumentare i seguaci e le interazioni dei social networks, occupandosi soprattutto di Instagram e di Facebook con la realizzazione di giochi, sondaggi e video riguardanti la musica, ma anche altre cose dello stesso genere. Un altro modo per ottenere seguaci è il “free hugs” (abbracci gratis): sono stati due volte in una stazione, dove hanno abbracciato la gente e hanno chiesto loro di seguire i profili social della radio. Diffondere amore, ha reso per loro questa esperienza davvero profonda. A volte la gente ha davvero bisogno di un abbraccio! Questo gruppo si è anche lasciato coinvolgere dalla famosa “Keke challenge” in una stazione metropolitana. Questa sfida consiste nel danzare sulle note di In My Feelings di Drake e poi postare il video con l’#. Vedere le reazioni delle persone è stato davvero divertente.

Un altro gruppo si è occupato della creazione di un podcast per la diretta radio finale, editando i file audio delle interviste che erano state registrate. Nella prima parte del file, hanno assemblato tutte le risposte alla prima domanda, dove le persone esprimevano quale fosse la loro città italiana preferita e dove fossero già stati. Nella seconda, si può ascoltare dove sarebbero voluti andare e nell’ultima parte del podcast se preferissero i musei o la spiaggia. È stato davvero difficile perché hanno registrato più di 1000 interviste.

L’altro gruppo ha lavorato con Excel, creando un grafico con le informazioni raccolte ogni giorno nelle interviste. Dunque i ragazzi hanno mostrato la percentuale di risposte ad ogni domanda. Nel primo grafico, ci sono le città italiane più visitate: in cima alla classifica c’è Roma (27%), Firenze al secondo posto (17%) e Venezia al terzo (15%). Ci sono anche altre destinazioni non così gettonate, ma in cui la gente è comunque stata, per esempio la Sicilia (9%), Sorrento (5%), Pisa (2,6%) e la Sardegna (0,9%). Nel secondo, le città italiane che gli intervistati vorrebbero visitare: anche in questo caso, Roma occupa il primo posto (36%), probabilmente perché possiede il fascino della capitale, Venezia la segue (20%) e Firenze ha la medaglia di bronzo (11%). Alcuni hanno anche risposto Sicilia (9%) e Verona (6,7%). Il terzo e ultimo grafico contiene la percentuale di persone che preferiscono i musei (39%), la spiaggia (34%) o entrambi (27%).

Alla fine del progetto, quattro studenti (Grimaldi Giacomo, Morretta Miriam, Scalzo Giuliana e Scuto Noemi) hanno avuto la fortuna di presentare una diretta radio, live anche su Facebook. Grazie al lavoro di tutti i gruppi, i quattro speakers hanno parlato della loro inchiesta e hanno fatto conoscere agli ascoltatori qualcosa di interessante riguardo la nostra terra del sole e qualcosa di divertente riguardo la loro esperienza. E hanno ottenuto dei riscontri davvero positivi sulla rete durante la loro diretta: circa 2000 visualizzazioni, più di 100 reazioni e circa 30 condivisioni.

Inoltre, gli studenti hanno anche scritto diversi articoli per il giornali online “ItaloEuropeo” e per il loro blog “In An Out London”. Durante il loro tempo libero hanno visitato tutta Londra, che hanno definito veramente spettacolare.

Grazie ai dati raccolti, è abbastanza chiaro che le persone da tutte le nazioni del mondo amano la nostra Italia, la sua storia, lingua, cultura e ovviamente il suo cibo. Questo ha reso gli studenti molto orgogliosi della loro patria, soprattutto della loro Sicilia, che è abbastanza conosciuta in tutto il mondo.

Questa esperienza li ha aiutati a comprendere come è la vita a Londra: frenetica, implacabile, ma fuori dall’ordinario e colorata. Questa è stata la loro prima esperienza lavorativa, quindi erano estremamente felici di collaborare con “LondonOneRadio”, che ha insegnato loro come lavorare in team e cosa davvero significhi il termine “lavoro”. Comunque, questa permanenza a Londra con l’alternanza scuola-lavoro è sicuramente una cosa che nessuno potrà mai dimenticare!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...