8 marzo, pace e uguaglianza

ANNA BRUNO

08/03/2018

Nella storia la donna è sempre stata messa al secondo posto. A volte viene dimenticato il suo ruolo fondamentale per la vita. Per questo abbiamo questa giornata tutta al femminile che si ripete ogni anno. Ma l’8 marzo non è una data presa senza motivo.

386192_2722376789505_523995017_n
Foto Paolo Buttiglieri

In base ad alcuni fatti, questa data ci riporta ad un incendio accaduto in una fabbrica di New York dove morirono 129 operaie.
Si tratta però di uno stranissimo errore, in quanto in realtà l’incendio accadde il 25 marzo 1911 con 146 vittime.
Ad ogni modo, dopo quell’incendio, tutti collegano l’8 marzo con la celebre giornata della donna.
Qual è lo scopo di questa festa?
Lo scopo è quello di ricordare a tutti che le donne e gli uomini devono essere trattati allo stesso modo.

IMG_1226
Foto di Paolo Buttiglieri

Piena di fiori e auguri, questa giornata è un inno alla pace e all’uguaglianza.
E, rispetto al passato, le donne hanno ottenuto molti diritti che prima venivano ignorati.
Com’è possibile che ancora oggi, nel 2018, ci sia il bisogno del raggiungimento dei diritti delle donne?
Milioni di donne, ogni anno, sono vittime di abusi dal partner.
Sfruttando la loro sfera emotiva più fragile, gli uomini le attaccano fisicamente e psicologicamente.
Quindi è per questo che la festa della donna deve essere ricordata ed elogiata.
Le donne possono fare tutto ciò che gli uomini fanno in pura libertà.

IMG_8658
Foto di Paolo Buttiglieri

Tantissime donne hanno combattuto nella storia per i loro diritti e ne citiamo alcune:
• Emmeline Pankhurst: Fondatrice del Women’s Social and Political Union
• Amelia Earhart: La prima donna pilota ad attraversare l’Atlantico in solitaria e in assoluto la prima persona ad aver sorvolato sia sull’Atlantico che sul Pacifico
• Rosa Parks: Attivista che rifiutò di cedere il suo posto nell’autobus ad un bianco
• Giovanna d’Arco: Risollevò la Francia dalla Guerra dei cent’anni
• Marie Curie: La prima donna ad insegnare alla Sorbonne
• Valentina Tereskova: La prima donna ad andare nello spazio
• Malala Yousafzai: La più giovane vincitrice del Premio Nobel per la pace

femminicidio

L’ultima domanda che spesso ci chiediamo è: Perché non esiste la festa dell’uomo?
Ebbene, la festa dell’uomo esiste ed è il 19 novembre. E’ generalmente basata sul concetto di anti-sessimo. Allo stesso modo della festa della donna, quella dell’uomo ha lo scopo di ricordare che gli uomini e le donne devono avere gli stessi diritti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...