Australia, “Sampling the abiss”

GIACOMO GRIMALDI

01/10/2017

Australia, un gruppo di quaranta scienziati nel maggio del 2017 fa partire un spedizione dal nome “Sampling the Abyss” (letteralmente “campionando l’abisso”), con lo scopo di esplorare le zone abissali dell’oceano. La spedizione è partita dalla Tasmania ed è durata un intero mese.

immagine1 (Australia)Essa ha fatto sì che l’ambiente più vasto e allo stesso tempo più inesplorato del nostro pianeta venisse scoperto. La zona abissale particolarmente esplorata è stata l’abissopelagica, essa è caratterizza da: una forte pressione, buio, temperatura bassa e una profondità di 4mila metri. Per recarsi così in profondità, gli scienziati si sono serviti di nuovi macchinari e attrezzature, tra cui il sonar multibeam, che riesce a mappare il pavimento abissale.

immagine2 (Australia)

In questo particolare e sconosciuto habitat, vi è una grande biodiversità. Sono state infatti trovate e portate in superficie mille specie diverse, di cui la maggior parte ancora sconosciuta: pesci, vermi, molluschi, granchi, spugne e stelle marine.

Gli “abitanti” di questa zona poco ospitale, si sono dovuti adattare con il tempo alle sue caratteristiche, assumendo aspetti a volte paurosi. Essi hanno infatti delle spine, i corpi gelatinosi e non tutti possiedono gli occhi. Alcune specie hanno addirittura provveduto al problema del buio con la bioluminescenza, ossia l’emettere luce propria.

immagine4 (Texas)E parlando ancora di scoperte che provengono dal mare, ci spostiamo in America. Recentemente gli Stati Uniti sono stati colpiti da diversi uragani, uno dei quali denominato Harvey. L’uragano Harvey non ha solo portato distruzione, ma ha anche lasciato un regalo, facendo trovare su una spiaggia del Texas un misterioso animale. A ritrovare questo essere mai visto prima è stata la fotografa Preeti Desai. Nessuno sembra riconoscere di che animale si tratti, alcuni pensano sia un pesce anguilliforme dotato di zanne che vive nell’Oceano Atlantico, altri parlano invece di natura extraterrestre, facendo letteralmente impazzire il web e tutti i social.

È però veramente importante tutelare tutti questi esseri viventi (ma in generale ogni essere vivente presente sulla Terra) e garantire loro un ambiente pulito e che non risenta del cambiamento climatico, ma anche una vita sicura e serena. Bisogna che tutti si impegnino e lottino contro l’inquinamento, perché solo insieme riusciremo a mantenere sano, salubre e pulito il nostro caro pianeta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...