Leone d’oro al film “The Shape of Water” di Guillermo del Toro

REDAZIONE SECUSIONLINE

09/09/2017

poster-festival-del-cinema-di-venezia-2017Assegnati i premi del 74º festival del cinema di Venezia, in una cerimonia condotta da Alessandro Borghi: il Leone d’oro per il miglior film, il premio più importante del festival, è andato a The Shape of Water di Guillermo del Toro. Kamel El Basha, che ha recitato in L’insulte, è stato premiato per la miglior interpretazione maschile e Charlotte Rampling (che ha recitato in Hannah) per la miglior interpretazione femminile. Charlie Plummer, attore di Lean on Pete, ha vinto il premio Marcello Mastroianni, per il miglior attore emergente.

280px-TheShapeOfWater
Una scena del film

The Shape of Water è ambientato nel 1962 durante la Guerra Fredda: racconta di una donna delle pulizie, interpretata da Sally Hawkins, che scopre nel laboratorio governativo in cui lavora un esperimento su una primordiale creatura amazzonica. L’incontro porterà a un rapporto sentimentale: come l’ha definito il regista, è una sorta di favola con un messaggio rivolto ai nostri tempi, «scegliere l’amore anziché la paura».

IMG_8619
Foto di Paolo Buttiglieri

 

I premi principali del festival del cinema di Venezia

 

Leone d’oro per il miglior filmThe Shape of Water di Guillermo del Toro

Gran premio della giuriaFoxtrot di Samuel Maoz

Leone d’argento per la miglior regia: Xavier Legrand per Jusqu’à la gard 

Coppa Volpi per la miglior interpretazione femminile: Charlotte Rampling per Hannah

Coppa Volpi per la miglior interpretazione maschile: Kamel El Basha per L’insulte

Miglior sceneggiatura: Martin McDonagh per Tre manifesti a Ebbing, Missouri

Premio Marcello Mastroianni (a un attore emergente): Charlie Plummer per Lean on Pete

Premio speciale della giuriaSweet Country di Warwick Thornthon

Miglior film della sezione Orizzonti: Nico, 1988 di Susanna Nicchiarelli

Premio Leone del futuro per la miglior opera primaJusqu’à la garde di Xavier Legrand

La giuria che ha assegnato i premi principali era presieduta quest’anno dall’attrice statunitense Annette Bening e ne facevano parte: la regista e sceneggiatrice rumena Ildiko’ Enyedi, il regista messicano Michele Franco il regista Edgar Wright, il regista cinese Yonfan, il critico cinematografico David Stratton, e le attrici Rebecca Hall, Anna Mouglalis e Jasmine Trinca.

Durante quest’edizione del festival sono stati assegnati anche due Leoni alla carriera, a Jane Fonda e a Robert Redford, prima della proiezione di Le nostre anime di notte, il loro film fuori concorso.

Durante la cerimonia sono stati anche assegnati dei premi per la Miglior storia in realtà virtuale (a Bloodless), per la Miglior esperienza in realtà virtuale (a La camera insabbiata) e per la Miglior realtà virtuale (a Arden’s Wake).

Il film The Prince and the Dybbuk ha vinto il Premio Venezia Classici per il Miglior documentario sul cinema; il premio per il Miglior film restaurato è andato a Idi Smotri. Il Premio per il Miglior cortometraggio è andato a Gros Chagrin. Il premio per il Miglior attore della sezione Orizzonti a Navid Mohammadzadeh, quello per la Miglior attrice della sezione orizzonti a Lyna Khoudri. Il premio per la Miglior regia della sezione Orizzonti l’hanno vinto Bedoune Tarikh e Bedoune Emza per il film Vahid Jalilvand.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...