Premio “Strada degli scrittori” al Liceo artistico Secusio.”C’è qualcuno che ride”, allegoria pirandelliana della società.

MARTA SAGONE

11/06/2017

Per il 150° anniversario della nascita del drammaturgo siciliano Luigi Pirandello il MIUR, in collaborazione con il Distretto Turistico “Valle dei Templi”, “La Strada degli Scrittori” e la Fondazione Teatro “Luigi Pirandello” di Agrigento, ha promosso il concorso nazionale, intitolato “Uno, nessuno e centomila”.

IMG_20170601_164030_384Il bando, rivolto alle scuole secondarie di secondo grado, prevedeva la realizzazione della sceneggiatura di un corto teatrale ispirato ad una novella dello scrittore agrigentino. Le sceneggiature, selezionate da una Commissione appositamente costituita, sono state rappresentate in occasione delle manifestazioni legate alle celebrazioni dell’anniversario della nascita del drammaturgo, Premio Nobel per la letteratura, svolte nella sua città natale e, in coordinamento con molte università e centri di cultura d’Italia e del mondo.

IMG-20170602-WA0003La classe 5°A del Liceo artistico, spinta dalla curiosità e dalla voglia di mettersi in gioco, ha deciso di partecipare riscrivendo la sceneggiatura della novella “C’è qualcuno che ride”. Secondo la trama originale, durante una strana festa, che somiglia quasi ad un funerale (pur non essendolo), si sente una voce che ride. La folla, scandalizzata si volta a cercare l’autore della risata e questa viene identificata in una ragazza bionda che corre; poco dopo si scopre che non solo la ragazza sta ridendo, ma anche due uomini che corrono con lei, il padre e il fratello. La folla inizia ad inseguirli e li raggiunge in una stanza vicina, i tre capiscono solo allora l’ira della gente contro di loro ma riescono a scappare dalla casa prima di essere linciati.

IMG_20170601_221528_616L’opera ha spesso suggerito “una non equivoca ferocissima satira di un’adunata fascista”, riunione intesa come allegoria della società stessa.

FB_IMG_1496413146352Nell’adattamento teatrale della novella si è ripresa in parte la morale, ambientando la festa durante un’adunata fascista, ma in aggiunta sono stati inseriti personaggi del tutto innovativi, così da rafforzarne il messaggio pirandelliano: il Maestro di Cerimonie, la cui idea è ripresa dal musical Cabaret, tratto dal dramma di John Van DrutenI’m a Camera”, adattamento teatrale del romanzo del 1939 di Christopher Isherwood “Goodbye to Berlin”. Ambientato nella Berlino del 1931, mentre il nazismo si diffondeva e si rafforzava, il musical narra le vicende legate al Kit Kat Klub e all’amore della diciannovenne cabarettista inglese Sally Bowles con lo statunitense Cliff Bradshaw. Altri risvolti della trama narrano della complicata storia d’amore dell’anziana affittuaria Fräulein Schneider e del suo vecchio spasimante ebreo Herr Schultz, un fruttivendolo. A sorvegliare su tutto, come un personaggio brechtiano, c’è il Maestro delle Cerimonie del Kit Kat Klub, metafora della crescente minaccia del Terzo Reich. Egli, nella sceneggiatura riscritta, si presenta come un personaggio del tutto ambiguo, carattere sottolineato da un particolare trucco, un misto tra Joker ed il Corvo; infatti all’inizio della festa sembra rappresentare l’adesione al fascismo, addirittura simboleggia la fedeltà al regime stesso, colui che sa tutto e tira le fila del destino altrui, colui che darà inizio alla festa dicendo… “Che lo spettacolo abbia inizio, SIPARIO!”. Ma, sul finire, toglie la sua divisa di Maestro di Cerimonie e un po’ di trucco pesante dal viso, apparendo come un giovane aitante vestito di jeans con la pettorina e dei fascinosi occhiali a specchio; sente il richiamo della libertà, dell’amore e della voglia di una nuova rinascita. Allo stesso tempo, però, ci si chiede se rappresenti l’opportunismo della società politica del tempo, “fingendo nella finzione”, ma chi può dirlo….Il finale è aperto a varie interpretazioni, cosi come nello stile pirandelliano.

20170529_113916.jpgAltro personaggio innovativo è il Cavaliere, padrone di casa e capo dell’adunata fascista, infatti alla fine della sceneggiatura, sembra aver perduto d’un tratto tutto il suo fascino; così rincula meschino, guardandosi intorno curvo e invecchiato.

L’adesione al regime dei mezzi di comunicazione e informazione è simboleggiata dai fotografi ; infine troviamo la presenza di due giovani innamorati, Romeo e Giulietta, che simboleggiano la libertà e la voglia di resistenza e rinascita, come si evince dal ballo che mettono in scena, un misto tra rumba e fox-trot, balli che richiamano il mito americano e che in quegli anni erano vietati dal regime fascista.

Unendo così le idee di ogni alunno e seguendo i consigli della docente referente del progetto, prof.ssa Maria Ausilia Castagna, la classe 5A ha inviato il tutto alla Commissione del MIUR, con l’intento di aver proposto una riflessione più originale, creativa e significativa sul complessivo significato dell’opera dell’autore.

18835627_256223314857402_33179199518139621_nDopo circa due mesi la grande notizia; la classe non solo risulta finalista tra 85 scuole partecipanti, ma vince il Premio “Strada degli Scrittori”.

Dal 28 maggio al primo giugno gli allievi del Liceo hanno vissuto una magnifica esperienza.   Hanno avuto l’occasione di conoscere gli organizzatori dell’evento e soprattutto tanti ragazzi di altre scuole nazionali ed estere (Barcellona, Madrid,Parigi, Beirut,Cluj-Napoca, Istanbul, Hole Orizon) dando vita ad una sorta di gemellaggio culturale, che “fonde” giovani di diverse nazionalità, culture, tradizioni così da abbattere ogni tipo di barriera, ideologica, culturale e anche religiosa.

18740026_256222718190795_964530416005429696_n

IMG-20170601-WA0085IMG-20170602-WA0012

IMG-20170601-WA0480Le giornate trascorse presso il Teatro Pirandello sono state organizzate

da un gruppo di giovani professionisti della “Casa del Musical”, compagnia teatrale volta a selezionare e lanciare nel mondo del Musical, del teatro in generale e del Cinema, attori, cantanti e ballerini.

Il regista, Marco Savatteri, insieme ai suoi colleghi, tra cui il coreografo Giuseppe Orsillo e l’attore/cantante Girolamo Randisi, hanno dato diversi suggerimenti per la gestione dello spazio scenico, “la famosa zattera sulla quale era necessario ricoprire tutti gli spazi vuoti per mantenere l’equilibrio”, esercizi vocali e di dizione per scandire bene le parole e consigli sull’interpretazione della recitazione, così da suscitare grandi emozioni.

IMG-20170601-WA0295IMG-20170602-WA0004IMG-20170601-WA0433Al contempo la classe ha avuto l’opportunità di visitare diversi luoghi “pirandelliani” e non della famosa Girgenti, come la Biblioteca Lucchesiana, la Cattedrale, il Museo Diocesano, il centro storico della città, la magnifica area archeologica della Valle dei Templi, simbolo della storia della Sicilia greca ed infine la visita nella notturna Recalmuto, città natale del noto scrittore neorealista Leonardo Sciascia. Lungo Corso Garibaldi si poteva incontrarlo, quando era in vita, infatti qui è stata collocata non casualmente una statua in bronzo ad altezza d’uomo che lo rappresenta mentre passeggia. Tra le dita della mano destra stringe l’abituale sigaretta mentre l’altro braccio scende verso la tasca del pantalone dove la mano è infilata, in un atteggiamento che gli era consueto; tutta la freschezza del gesto spontaneo, colto nella naturalezza e nell’occasionalità del momento.

La cerimonia di premiazione si è tenuta giovedì presso il Teatro Pirandello, alla presenza delle massime autorità del MIUR e con la partecipazione del presidente della Fondazione Teatro Luigi Pirandello, l’attore e regista Gaetano Aronica, il quale ha incantato il pubblico con la bellissima interpretazione de “La Patente” di Pirandello.

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...