Ortigia, il cuore della splendida città di Siracusa.

 

NOEMI IUDICE

10/05/2017

Lo scorso 6 maggio, alcune classi dell’Istituto Superiore Secusio di Caltagirone, hanno avuto la possibilità di trascorrere un’intera giornata nella storica città di Siracusa, antica colonia greca tra le più antiche ed importanti di tutto il Mediterraneo.

18449657_10212765869132464_6778347259251955201_o
Foto di Paolo Buttiglieri
IMG_1709
Foto di Paolo Buttiglieri

Molteplici i luoghi caratteristici dove arte e cultura si mescolano in perfetta armonia . Spicca, tra tutti la maestosa Cattedrale.

IMG_1708
Foto di Paolo Buttiglieri
18423111_435081403507611_8453963694120054991_o
Foto di Paolo Buttiglieri

seppellimento-di-santa-lucia

 

IMG_1710
Foto di Paolo Buttiglieri

La tappa seguente, la chiesa di Santa Lucia, un luogo affascinante per la cultura e per l’arte. All’interno della quale è custodito uno splendido e inimitabile dipinto del Caravaggio risalente al 1608 circa e raffigurante il ‘seppellimento di Santa Lucia’, Patrona di Siracusa. Il motivo per cui Caravaggio scelse di raffigurare quel tragico evento è chiaro: l’incubo di essere giustiziato faceva si che egli dipingesse ripetutamente scene di decapitazione e morte.

Successivamente gli alunni si sono addentrati nel suggestivo Museo di palazzo Bellomo, situato sempre ad Ortigia. Il museo è stato inaugurato soltanto nel 1948; conserva molteplici reperti di epoca medievale e innumerevoli sculture tra le quali la Madonna del Cardillo di Domenico Gagini e la splendida Annunciazione di Antonello da Messina del 1747. La galleria inoltre è sede d’importantissime collezioni di argenteria, oreficeria, maioliche e arredi sacri.

ofyeuUKwpBT4sphrQ003d4Kv1ERl_LUAjjO5Neasw6s49s5zBZfTTl60x_2Yf4aYw5qtWmbNHeBJqeo=w618-h787
Foto di Giuliana Sales

”Malgrado lo stato di abbandono, resta tutt’ora uno dei più bei posti del mondo ed offre lo spettacolo più grandioso e pittoresco che ci sia”,  è con queste parole che Vivant Denou descrive l’illimitata bellezza del teatro greco di Siracusa, costruito nella sua prima fase nel V secolo. La prima parte del pomeriggio che ha visto come protagonista la visita al teatro ha dato l’opportunità, ai nostri ragazzi, di poter rivalutare l’importanza della più grande architettura teatrale antica, pervenutaci fino ad oggi, sede attuale di spettacoli di fama internazionale: le tragedie greche.

Bc2M1c6zIBe-_Gw5wLV8gAhMEiVWIqe-PlcZafU91oSDXBRDGxZblHX6vY0mTdRT6jI-M-aBbYHB96o=w618-h787
Foto di Giuliana Sales

Tuttavia, la parte conclusiva di questa visita guidata è stata riservata alla grotta artificiale a forma d’orecchio umano, posta nella parte sottostante al teatro, alla quale lo stesso Caravaggio attribuì l’appellativo di ”Orecchio di Dionisio’‘. Secondo la tradizione, infatti, il tiranno Dionisio fece scavare la grotta con lo scopo di rinchiudervi i prigionieri e, posizionandosi all’interno di una cavità superiore, riusciva chiaramente ad ascoltare i discorsi e gli eventuali complotti verso di lui. Tutto questo era possibile grazie alle magnifiche caratteristiche acustiche tali da amplificare i suoni fino a 16 volte.

tqvQlV9aylFC5Iv047v4GYmwuxJ4EN6QNHfKYuQ_Zy5PsK4WeXWV1qyGI3yhAhHelumGNbgn7qXM1GY=w618-h787
Foto di Giuliana Sales

A conclusione di questa giornata, è doveroso mettere in evidenza l’immenso bagaglio storico-culturale che pervade le nostre città e ci arricchisce di innumerevoli dettagli che talvolta ci sfuggono banalmente, perchè solo cogliendo la vera essenza dell’arte, della cultura potremmo alimentare la nostra fame del sapere e raffinare la nostra conoscenza.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...